Vendita ed intermediazione di singoli servizi turistici

  1. Fonti legislative

1.1. I contratti aventi ad oggetto l’offerta del solo servizio di trasporto, di soggiorno o di qualunque altro separato servizio turistico, non potendosi configurare come fattispecie negoziale di organizzazione o vendita di pacchetto turistico o servizio turistico collegato a termini di quanto previsto dal D.Lgs. n. 79/2011 (Codice del Turismo), sono disciplinati dalla L. n. 1084/1977 di ratifica ed esecuzione della Convenzione internazionale relativa al contratto di viaggio (CCV) firmata a Bruxelles il 23.04.1970 (ed, in particolare, dai seguenti articoli: art. 1, n. 3 e n. 6; artt. da 17 a 23; artt. da 24 a 31, limitatamente alle parti di tali disposizioni che non si riferiscono al contratto di organizzazione), nonché dalle altre pattuizioni specificamente riferite alla vendita del singolo servizio oggetto di contratto e dalle disposizioni del codice del consumo di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206.

  1. Definizioni

2.1. Per quanto previsto dal presente contratto ed ai sensi dell’Articolo 1 della Convenzione internazionale relativa al contratto di viaggio (CCV) firmata a Bruxelles il 23.04.1970, si intende per:

  1. a) “contratto di viaggio”: sia un contratto di organizzazione di viaggio, sia un contratto di intermediario di viaggio;
  2. b) “contratto di intermediario di viaggio”: qualunque contratto tramite il quale una persona si impegna a procurare ad un’altra, per mezzo di un prezzo, sia un contratto di organizzazione di viaggio, sia uno dei servizi separati che permettono di effettuare un viaggio o un soggiorno qualsiasi;
  3. c) “intermediario di viaggi”: qualunque persona che abitualmente assuma l’impegno relativo al “contratto di intermediario di viaggio”, sia a titolo di attività principale o meno, sia a titolo professionale o meno;
  4. d) “viaggiatore”: qualunque persona che usufruisca della prestazione relativa al “contratto di intermediario di viaggio”, sia che il contratto sia stipulato o che il prezzo sia pagato da lei o da chi per lei.

    3. Scheda tecnica

3.1. Organizzazione tecnica: Ulisse Travel di GN Turismo S.R.L. Via Olivastro Spaventola snc- 04023 Formia (LT) – Italia.
3.2. Autorizzazione amministrativa Regione Lazio SCIA protocollo n° GR/732676 del 17/09/2021 , in conformità con quanto disposto la Legge Regionale n.13 del 6 Agosto 2007.
3.3. Polizza assicurativa responsabilità civile n° 1505002743/X con Nobis Compagnia Assicurazioni SPA
3.4. Fondo consortile di Garanzia: Vacanze Garantite cert. n° 2021091076AT
3.5. I programmi di viaggio pubblicati sul sito sono validi secondo i periodi di riferimento ivi indicati.
3.6. Al momento della conclusione del contratto, Ulisse Travel di GN Turismo S.R.L.  informerà i passeggeri circa l’identità del/i vettore/i, fermo quanto previsto dall’art. 11 del Reg. CE 2111/2005 e della sua/loro eventuale inclusione nella cosiddetta “black list” prevista dal Regolamento medesimo.

  1. Informazioni al turista

Prima dell’inizio del viaggio l’organizzatore e l’intermediario comunicano al viaggiatore le seguenti informazioni:

4.1. orari, località di sosta intermedia e coincidenze. Nel caso in cui l’orario esatto non sia ancora stabilito, l’organizzatore e, se del caso, il venditore, informano il viaggiatore dell’orario approssimativo di partenza e ritorno;

4.2. informazioni sull’identità del vettore aereo operativo, ove non nota al momento della prenotazione, giusta previsione art.11 Reg. Ce 2111/05 (Art. 11, comma 2 Reg. Ce 2111/05:

“Se l’identità del vettore aereo effettivo o dei vettori aerei effettivi non è ancora nota al momento della prenotazione, il contraente del trasporto aereo fa in modo che il passeggero sia informato del nome del vettore o dei vettori aerei che opereranno in quanto vettori aerei effettivi per il volo o i voli interessati. In tal caso, il contraente del trasporto aereo farà in modo che il passeggero sia informato dell’identità del vettore o dei vettori aerei effettivi non appena la loro identità sia stata accertata ed il loro eventuale divieto operativo nell’Unione Europea”.

4.3. ubicazione, caratteristiche principali e, ove prevista, la categoria turistica dell’alloggio ai sensi della regolamentazione del paese di destinazione;

4.4. i pasti forniti inclusi o meno;

4.5. visite, escursioni o altri servizi inclusi nel prezzo totale pattuito del pacchetto;

4.6. i servizi turistici prestati al viaggiatore in quanto membro di un gruppo e, in tal caso, le dimensioni approssimative del gruppo;

4.7. la lingua in cui sono prestati i servizi;

4.8. se il viaggio o la vacanza sono idonei a persone a mobilità ridotta e, su richiesta del viaggiatore, informazioni precise sull’idoneità del viaggio o della vacanza che tenga conto delle esigenze del viaggiatore. Richieste particolari sulle modalità di erogazione e/o di esecuzione di taluni servizi facenti parte del pacchetto turistico, compresa la necessità di ausilio in aeroporto per persone con ridotta mobilità, la richiesta di pasti speciali a bordo o nella località di soggiorno, dovranno essere avanzate in fase di richiesta di prenotazione e risultare oggetto di specifico accordo tra il viaggiatore e l’Organizzatore, se del caso anche per il tramite dell’agenzia di viaggio mandataria.

4.9. il prezzo totale del pacchetto comprensivo di tasse e tutti i diritti, imposte e altri costi aggiuntivi, ivi comprese le eventuali spese amministrative e di gestione delle pratiche, oppure, ove questi non siano ragionevolmente calcolabili prima della conclusione del contratto, un’indicazione del tipo di costi aggiuntivi che il viaggiatore potrebbe dover ancora sostenere;

4.10. le modalità di pagamento, compreso l’eventuale importo o percentuale del prezzo da versare a titolo di acconto e il calendario per il versamento del saldo, o le garanzie finanziarie che il viaggiatore è tenuto a pagare o fornire;

4.11. il numero minimo di persone richiesto per il pacchetto e il termine di cui all’art. 41, comma 5, lettera a), prima dell’inizio del pacchetto per l’eventuale risoluzione del contratto in caso di mancato raggiungimento del numero;

4.12. le informazioni di carattere generale concernenti le condizioni in materia di passaporti e/o visti, compresi i tempi approssimativi per l’ottenimento dei visti, e le formalità sanitarie del paese di destinazione;

4.13. informazioni sulla facoltà per il viaggiatore di recedere dal contratto in qualunque momento prima dell’inizio del pacchetto dietro pagamento di adeguate spese di recesso, o, se previste, le spese di recesso standard richieste dall’organizzatore ai sensi dell’art. 41, comma l del D. Lgs. 79/2011 e specificate al successivo art. 10 comma 3;

4.14 informazioni sulla sottoscrizione facoltativa o obbligatoria di un’assicurazione che copra le spese di recesso unilaterale dal contratto da parte del viaggiatore o le spese di assistenza, compreso il rimpatrio, in caso di infortunio, malattia o decesso;

4.15. gli estremi della copertura di cui all’articolo 47, commi l, 2 e 3 D. Lgs. n. 79/2011.

In caso di contratti negoziati fuori dei locali commerciali, il viaggiatore ha diritto di recedere dal contratto di vendita di pacchetto turistico entro un periodo di cinque giorni dalla data della conclusione del contratto o dalla data in cui riceve le condizioni contrattuali e le informazioni preliminari se successiva, senza penali e senza fornire alcuna motivazione.

Nei casi di offerte di con tariffe sensibilmente diminuite rispetto alle offerte correnti, il diritto di recesso è escluso. In tale ultimo caso l’organizzatore documenta la variazione del prezzo evidenziando adeguatamente l’esclusione del diritto di recesso.

Se il pagamento del saldo non verrà effettuato entro i termini stabiliti, ovvero 30 giorni dalla partenza, l’acconto non verrà rimborsato.

4.16. L’organizzatore predispone in catalogo o nel programma fuori catalogo – anche su supporto elettronico o per via telematica – una scheda tecnica. In essa sono contenute le informazioni tecniche relative agli obblighi di legge cui è sottoposto il Tour Operator, quali a titolo esemplificativo:

  • estremi dell’autorizzazione amministrativa o S.C.I.A dell’organizzatore;
  • estremi delle garanzie per i viaggiatori ex art. 47 Cod. Tur.
  • estremi della polizza assicurativa di responsabilità civile;
  • periodo di validità del catalogo o del programma fuori catalogo;
  • parametri e criteri di adeguamento del prezzo del viaggio (Art. 39 Cod. Tur.).

4.17. Tutte le quote indicate sono espresse in Euro, le frazioni centesimali, se non espressamente indicate, sono pari a 00.

  • Le fasce di età sono sempre da intendersi in anni non compiuti.
  • Tassa di soggiorno: I Comuni italiani hanno la facoltà di applicare la Tassa di Soggiorno. Detta Tassa, se non specificata, non è prevista nelle quote riportate nelle tabelle prezzi. Se applicata dovrà eventualmente essere pagata dal cliente direttamente in hotel.
  1. Pagamenti

5.1. I pagamenti dovranno essere effettuati secondo le modalità previste nei modi seguenti.
Pagamento con carta di credito: sono accettati pagamenti con carte di credito anche prepagate o postepay. Durante la fase di pagamento il cliente viene reindirizzato sul “SysPay Secure Payment” dell’Istituto finanziario SysPay. La sicurezza dei dati trasmessi viene garantita dal protocollo SSL3. A fronte del positivo esito della transazione di pagamento dell’intero importo del soggiorno, il cliente riceverà direttamente via email i documenti di viaggio denominati “voucher” da presentare e mostrare in struttura a titolo di conferma (fanno eccezione i prodotti volo, treno, traghetto, pullman inclusi e, comunque, i servizi che seguono una regolamentazione differente).
Pagamento tramite bonifico bancario: il cliente può selezionare in fase di prenotazione il pagamento tramite bonifico bancario ed è obbligato ad inviare la copia della distinta del bonifico in formato PDF via email all’indirizzo: booking@ulissetravel.it o via WhatsApp al numero: 334.7042901– facendo riferimento ai contatti riportati all’interno dell’e-mail di riepilogo prenotazione – entro e non oltre le 24 ore successive alla data di prenotazione. Sulla copia del bonifico devono essere presenti o il codice CRO oppure il codice SEPA identificativi dell’operazione. Se la prenotazione viene effettuata nei giorni di sabato o domenica, il termine per inviare la copia del bonifico slitta al lunedì immediatamente successivo entro le ore 9:00. Se la prenotazione viene effettuata in un giorno festivo, il termine per inviare la copia del bonifico slitta al primo giorno lavorativo immediatamente successivo sempre entro le ore 9:00. Se la procedura viene correttamente eseguita dal cliente, egli riceverà i documenti di viaggio via email entro 21 giorni prima dell’inizio del soggiorno (fanno eccezione i prodotti volo, treno, traghetto, pullman inclusi e, comunque, i servizi che seguono una regolamentazione differente).

Pagamento a rate: nel caso in cui la prenotazione avvenga almeno 31 giorni prima della data di inizio della vacanza, il cliente potrà scegliere di pagare in due rate, rispettivamente “acconto” e “saldo”:

  • l’acconto è pari a 99 euro a prescindere dall’importo totale della vacanza (salvo diversamente indicato) più l’importo delle eventuali assicurazioni facoltative per annullamento viaggio e/o medico e/o bagaglio. L’acconto può essere pagato tramite carta di credito oppure tramite bonifico bancario secondo le modalità ed entro i termini precedentemente descritti. Tale importo è versato a titolo di caparra, ma gli effetti di cui all’art. 1385 del codice civile non si producono qualora il recesso dipenda da fatto sopraggiunto non imputabile, ovvero sia giustificato dal grave inadempimento della controparte;
  • il saldo è pari al restante importo della vacanza e deve essere pagato entro 30 giorni di calendario precedenti alla data di inizio della vacanza; con carta di credito o bonifico bancario, per quest’ultimo valgono le modalità di invio della copia del bonifico precedentemente indicate.

Se la procedura viene correttamente eseguita dal cliente, quest’ultimo riceverà il documento “voucher” via email a partire da 21 giorni prima dell’inizio del soggiorno (eventuali ulteriori documenti di viaggio verranno inviati in un secondo momento sempre via email non appena resi disponibili).

Se compri con Scalapay ricevi il tuo ordine subito e paghi in 3 rate. Prendi atto che le rate verranno cedute a Incremento SPV S.r.l., a soggetti correlati e ai loro cessionari, e che autorizzi tale cessione.

5.2. Il mancato rispetto delle suddette modalità di pagamento e di comunicazione non consente l’accettazione della proposta di prenotazione da parte di Ulisse Travel di GN Turismo srl ed, in caso di pagamento rateale, determina l’annullamento della prenotazione ed il prodursi degli effetti di cui alla lett. a) del comma successivo.

5.3. Dalla scheda di prenotazione o da qualsiasi altro mezzo di comunicazione scritta risultano:

  • in caso di pagamento rateale, la misura dell’importo è di 99 euro (salvo diversamente indicato); tale importo è versato a titolo di caparra, ma gli effetti di cui all’art. 1385 del codice civile non si producono qualora il recesso dipenda da fatto sopraggiunto non imputabile, ovvero sia giustificato dal grave inadempimento della controparte;
  • sempre in caso di pagamento rateale, 30 giorni prima dell’inizio del soggiorno dovrà essere effettuato il saldo;
  • in caso di pagamento in un’unica soluzione, dovrà essere corrisposto il prezzo entro 24 ore dalla proposta di prenotazione.

5.4. Il mancato pagamento della caparra di cui al precedente comma, lett. a), così come il mancato pagamento dell’importo dovuto in caso di pagamento in un’unica soluzione, non consentono l’accettazione della proposta di prenotazione.

5.5. In caso di pagamento rateale, il mancato pagamento del saldo alla data stabilita determina l’annullamento della prenotazione ed il prodursi degli effetti di cui alla lett. a) del comma 3 del presente articolo.

5.6. Se compri con Scalapay ricevi il tuo ordine subito e paghi in 3 rate. Prendi atto che le rate verranno cedute a Incremento SPV S.r.l., a soggetti correlati e ai loro cessionari, e che autorizzi tale cessione.

  1. Prezzo

6.1. Il prezzo del servizio turistico è determinato con riferimento a quanto indicato sul sito web ed agli eventuali aggiornamenti dello stesso successivamente intervenuti.

6.2. È espressamente inteso che le eventuali promozioni e gli eventuali codici sconto saranno validi ed utilizzabili solo ed esclusivamente per il relativo periodo di efficacia, così come specificamente indicato, e non potranno essere utilizzati per acquisti effettuati precedentemente rispetto alla data di efficacia della promozione e del codice sconto, escludendosi qualsivoglia efficacia retroattiva della promozione del codice sconto.

  1. Recesso del turista

7.1. Al turista che receda dal contratto prima della partenza saranno addebitati – indipendentemente dal pagamento della caparra di cui al precedente art. 5, comma 1, lett. a) – il costo integrale del servizio di trasporto, il costo individuale di gestione pratica, l’eventuale corrispettivo di coperture assicurative già richieste al momento della conclusione del contratto o per altri servizi già resi, nonché la penale nella misura di seguito indicata:

  • 50% del prezzo (decurtati i costi di cui sopra) in caso di recesso comunicato da 9 a 8 giorni dall’inizio del soggiorno;
  • 75% del prezzo (decurtati i costi di cui sopra) in caso di recesso comunicato da 7 a 3 giorni dall’inizio del soggiorno;
  • 100% del prezzo in caso di recesso comunicato da 2 a 1 giorni dall’inizio del soggiorno

Si precisa che alcune strutture potrebbero prevedere penali differenti da quelle sopra riportate, maggiori informazioni saranno riscontrabili nelle informazioni in fase di preventivo e di conferma.

7.2. Nel caso in cui il turista abbia già versato il saldo di prezzo, questo verrà imputato alla penale nella misura corrispondente.

7.3. Sono fatte salve le eventuali diverse condizioni comunicate in relazione ai singoli servizi turistici oggetto di contratto.

7.4. Nel caso di gruppi precostituiti, tali somme verranno concordate di volta in volta alla sottoscrizione del contratto.

  1. Cessione del contratto – Variazione del contratto su richiesta del turista

8.1. Il turista rinunciatario può sostituire a sé un terzo qualora:

  • il cessionario soddisfi tutte le condizioni per la fruizione del servizio;
  • il cedente comunichi per iscritto all’organizzatore o all’intermediario, entro e non oltre sette giorni lavorativi prima della partenza, di trovarsi nella impossibilità di usufruire del pacchetto turistico e le generalità del cessionario.

8.2. Il cedente ed il cessionario sono solidalmente responsabili per il pagamento del saldo del prezzo, nonché delle spese ulteriori eventualmente derivanti dalla cessione, quali – a titolo meramente esemplificativo – quelle relative al cambio prenotazione, al cambio nominativi dei partecipanti al viaggio ed i diritti di riemissione dei biglietti aerei. Tali spese verranno quantificate al momento della richiesta di cessione.

8.3. Eventuali richieste del turista relative alla variazione della data di partenza del volo aereo, della data di arrivo presso la struttura turistica od all’aumento del numero di turisti per camera non sono in alcun modo ed a nessun titolo impegnative nei confronti di Ulisse Travel di GN Turismo S.R.L. Nell’ipotesi in cui venga accettata la richiesta di variazione avanzata dal turista, verrà addebitato a quest’ultimo il relativo costo, che verrà quantificato al momento della richiesta di modifica prenotazione.

  1. Annullamento del contratto

9.1. L’organizzatore può, senza indennità, annullare il contratto, totalmente o parzialmente, qualora prima o durante l’esecuzione del contratto si manifestino circostanze di carattere eccezionale che l’organizzatore non poteva conoscere al momento della stipulazione del contratto e che, se le avesse conosciute in quel momento, gli avrebbero fornito valide ragioni per non concluderlo.

9.2. L’organizzatore di viaggi può ugualmente annullare il contratto senza indennità quando il numero minimo di viaggiatori previsto nel documento di viaggio non è stato raggiunto, a condizione che queste fatto sia portato a conoscenza del viaggiatore almeno 15 giorni prima della data alla quale il viaggio o il soggiorno doveva avere inizio.

9.3. In caso di annullamento del contratto prima della sua esecuzione, l’organizzatore deve rimborsare integralmente qualunque pagamento incassato dal viaggiatore. In caso di annullamento del contratto in corso di esecuzione, l’organizzatore deve prendere tutte le misure necessarie nell’interesse del viaggiatore; inoltre le parti sono tenute a indennizzarsi a vicenda in maniera equa.

  1. Modalità e criteri di adeguamento del prezzo del viaggio (Art.39 Cod Tur.)

10.1. Dopo la conclusione del contratto di pacchetto turistico, i prezzi possono essere aumentati soltanto se il contratto lo prevede espressamente e precisa che il viaggiatore ha diritto a una riduzione del prezzo, nonché le modalità di calcolo della revisione del prezzo. In tal caso, il viaggiatore ha diritto ad una riduzione del prezzo corrispondente alla diminuzione dei costi di cui al comma 2, lettere a), b) e c), che si verifichi dopo la conclusione del contratto e prima dell’inizio del pacchetto. 2. Gli aumenti di prezzo sono possibili esclusivamente in conseguenza di modifiche riguardanti: a) il prezzo del trasporto di passeggeri in funzione del costo del carburante o di altre fonti di energia; b) il livello di tasse o diritti sui servizi turistici inclusi nel contratto imposti da terzi non direttamente coinvolti nell’esecuzione del pacchetto, comprese le tasse di atterraggio, di sbarco e d’imbarco nei porti e negli aeroporti;

10.2. i tassi di cambio pertinenti al pacchetto.

10.3. Se l’aumento di prezzo di cui al presente articolo eccede l’8 per cento del prezzo complessivo del pacchetto, si applica l’articolo 40 del Codice del Turismo), commi 2, 3, 4 e 5.

10.4. Un aumento di prezzo, indipendentemente dalla sua entità, è possibile solo previa comunicazione chiara e precisa su supporto durevole da parte dell’organizzatore al viaggiatore, unitamente alla giustificazione di tale aumento e alle modalità di calcolo, almeno venti giorni prima dell’inizio del pacchetto.

10.5. In caso di diminuzione del prezzo, l’organizzatore ha diritto a detrarre le spese amministrative e di gestione delle pratiche effettive dal rimborso dovuto al viaggiatore, delle quali è tenuto a fornire la prova su richiesta del viaggiatore.

(1) Articolo così sostituito dall’ art. 1, comma 1, D. Lgs. 21 maggio 2018, n. 62, che ha sostituito il Capo I, a decorrere dal 1° luglio 2018 e con applicabilità ai contratti conclusi a decorrere da tale data, ai sensi di quanto disposto dall’ art. 3, comma 1, del medesimo D. Lgs. n. 62/2018.

  1. Regime di responsabilità

11.1. Nell’adempimento degli obblighi derivanti dai rispettivi contratti, l’organizzatore e l’intermediario proteggono i diritti e gli interessi dei turisti secondo i principi generali del diritto ed i buoni usi applicabili in materia.

11.2. L’organizzatore risponde dei danni arrecati al turista a motivo dell’inadempimento totale o parziale delle prestazioni contrattualmente dovute, a meno che l’inadempimento sia cagionato da fatto del turista (ivi comprese iniziative autonomamente assunte da quest’ultimo nel corso dell’esecuzione dei servizi turistici) o dal fatto di un terzo a carattere imprevedibile od inevitabile, da circostanze estranee alla fornitura delle prestazioni previste in contratto, da caso fortuito, da forza maggiore, ovvero da circostanze che lo stesso organizzatore non poteva ragionevolmente prevedere o risolvere secondo la diligenza professionale.

11.3. Il viaggiatore risponde del pregiudizio causato per sua colpa all’organizzatore o all’intermediario, a causa dell’inosservanza degli obblighi che gli spettano secondo la Convenzione internazionale relativa al contratto di viaggio (CCV) firmata a Bruxelles il 23.04.1970 o secondo i contratti che essa regola, la colpa venendo stabilita considerando il comportamento normale di un viaggiatore.

  1. Reclami e denunce

12.1. Ogni mancanza nella esecuzione del contratto deve essere contestata dal turista durante la fruizione del servizio mediante tempestiva presentazione di reclamo, affinché l’organizzatore, il suo rappresentante locale o l’accompagnatore vi pongano tempestivamente rimedio.

12.2. Il turista può altresì sporgere reclamo mediante l’invio di raccomandata o di altri mezzi che garantiscano la prova dell’avvenuto ricevimento, all’organizzatore o all’intermediario, entro 10 giorni lavorativi dalla data di rientro nel luogo di partenza.

12.3. La mancata presentazione del reclamo può essere valutata ai fini dell’art. 1227 del codice civile.

  1. Limiti al risarcimento del danno

13.1. Il risarcimento dovuto dall’organizzatore per danni alla persona non potrà in alcun caso essere superiore ai limiti previsti dalle convenzioni internazionali di cui siano parte l’Italia e l’Unione Europea in riferimento alle prestazioni il cui inadempimento ne ha determinato la responsabilità.

  1. Azioni legali

14.1. Le azioni alle quali può dar luogo un contratto di viaggio regolato dalla presente Convenzione, fondate sul decesso, le ferite o qualunque altro danno all’integrità fisica o psichica di un viaggiatore, cadono in prescrizione entro il termine di due anni a partire dalla data prevista nel contratto come data di termine del servizio che dà luogo alla controversia. Comunque, in caso di ferite o altri danni all’integrità fisica o psichica con conseguente decesso del viaggiatore dopo la data prevista come termine del servizio che dà luogo alla controversia, il periodo di tempo inizia a partire dalla data del decesso senza che possa comunque oltrepassare i tre anni dalla data prevista per il termine di questo servizio.

14.2. Le azioni alle quali può dar luogo un contratto di viaggio regolato dalla presente Convenzione, diverse da quelle menzionate al precedente punto 12.1, cadono in prescrizione entro il termine di un anno; questo periodo di tempo inizia a decorrere dalla data prevista nel contratto per il termine del servizio che dà luogo alla controversia.

  1. Assistenza

15.1. L’organizzatore è tenuto a prestare al turista le misure di assistenza richieste dalla diligenza professionale con esclusivo riferimento agli obblighi a proprio carico per disposizione di legge o di contratto.

15.2. L’organizzatore e l’intermediario sono esonerati dalle rispettive responsabilità laddove la mancata od inesatta esecuzione del contratto sia imputabile al turista o sia dipesa dal fatto di un terzo a carattere imprevedibile od inevitabile, ovvero sia stata causata da caso fortuito o da forza maggiore.

  1. Obblighi dei turisti

16.1. Nel corso delle trattative e, comunque, prima della conclusione del contratto, ai cittadini italiani sono fornite per iscritto le informazioni di carattere generale – aggiornate alla data di stampa del catalogo – relative agli obblighi sanitari ed alla documentazione necessaria per l’espatrio.

16.2. I cittadini stranieri reperiranno le corrispondenti informazioni attraverso le loro rappresentanze diplomatiche presenti in Italia e/o i rispettivi canali informativi governativi ufficiali.
16.3. In ogni caso, prima della partenza, i turisti provvederanno a verificarne l’aggiornamento presso le competenti Autorità (per i cittadini italiani le locali Questure ovvero il Ministero degli Affari Esteri tramite il sito www.viaggiaresicuri.it ovvero la Centrale Operativa Telefonica al numero 06.491115), adeguandovisi prima del viaggio.

16.4. In assenza di tale verifica, nessuna responsabilità per la mancata partenza di uno o più turisti potrà essere imputata all’organizzatore od all’intermediario.

16.5. I turisti dovranno informare l’organizzatore o l’intermediario della propria cittadinanza ed, al momento della partenza, dovranno accertarsi definitivamente di essere muniti dei certificati di vaccinazione, del passaporto individuale e di ogni altro documento valido per tutti i Paesi toccati dall’itinerario di viaggio, nonché dei visti di soggiorno, di transito e dei certificati sanitari che fossero eventualmente richiesti.

16.6. Inoltre, al fine di valutare la situazione sanitaria e di sicurezza dei Paesi di destinazione e, dunque, l’utilizzabilità oggettiva dei servizi acquistati o da acquistare, il turista reperirà, facendo uso delle informative sopra indicate, le informazioni ufficiali di carattere generale presso il Ministero degli Affari Esteri che indica espressamente se le destinazioni siano o meno assoggettate a formale sconsiglio.

16.7. I turisti dovranno inoltre attenersi all’osservanza delle regole di normale prudenza e diligenza ed a quelle specifiche in vigore nei Paesi di destinazione del viaggio, a tutte le informazioni fornite loro dall’organizzatore o dall’intermediario, nonché ai regolamenti, alle disposizioni amministrative o legislative relative al servizio turistico.

16.8. I turisti saranno chiamati a rispondere di tutti i danni che l’organizzatore o l’intermediario dovessero subire anche a causa del mancato rispetto degli obblighi sopra indicati, ivi incluse le spese necessarie al loro rimpatrio.

16.9. Il turista è tenuto a fornire all’organizzatore o all’intermediario tutti i documenti, le informazioni e gli elementi in suo possesso utili per l’esercizio del diritto di surroga di quest’ultimo nei confronti dei terzi responsabili del danno ed è responsabile verso l’organizzatore e verso l’intermediario del pregiudizio arrecato al diritto di surrogazione.

16.10. Il turista comunicherà altresì per iscritto all’organizzatore o all’intermediario, all’atto della prenotazione, le particolari richieste personali che potranno formare oggetto di accordi specifici sulle modalità del viaggio, sempre che ne risulti possibile l’attuazione.

16.11. Il turista è sempre tenuto ad informare l’organizzatore o l’intermediario di eventuali sue esigenze o condizioni particolari (ad esempio ed a solo titolo esemplificativo: gravidanza, intolleranze alimentari, disabilità) ed a specificare espressamente la richiesta di relativi servizi personalizzati.

  1. Assicurazione contro le spese di annullamento e di rimpatrio

17.1. Se non espressamente comprese nel prezzo, al momento della prenotazione è possibile stipulare speciali polizze assicurative contro le spese derivanti dall’annullamento del pacchetto turistico e di rimpatrio.

17.2. I dettagli relativi ai premi assicurativi ed alle condizioni generali di polizza sono riportati sul sito web o sul catalogo.

  1. Classificazione alberghiera

18.1. La classificazione ufficiale delle strutture alberghiere è fornita sul sito web, sul catalogo o nell’ambito di altro materiale informativo soltanto in base alle espresse e formali indicazioni delle competenti autorità del Paese in cui il servizio è erogato.

18.2. In assenza di classificazioni ufficiali riconosciute dalle competenti autorità dei Paesi anche membri della UE cui il servizio si riferisce, l’organizzatore si riserva la facoltà di fornire una propria descrizione della struttura ricettiva, tale da permettere una valutazione e conseguente accettazione della stessa da parte del viaggiatore.

  1. Composizione delle controversie

19.1. È prevista la facoltà del turista di ricorrere a procedure di negoziazione volontaria o paritetica od alla procedura di conciliazione dinnanzi alle commissioni arbitrali o conciliative per la risoluzione delle controversie tra imprese e consumatori ed utenti inerenti la fornitura di servizi turistici, istituite a termini dell’art. 2, comma 4, lettera a) della L. n. 580/1993.

19.2. Nella procedura di conciliazione i turisti hanno facoltà di avvalersi delle associazioni dei consumatori. Tale procedura di conciliazione è disciplinata dagli articoli 140 e 141 del Codice del Consumo.

  1. Diritto applicabile e Foro competente

20.1. Alle presenti Condizioni Generali si applica la Legge italiana, salvo quanto previsto dalle norme imperative a tutela del viaggiatore e del consumatore.

20.2. Nel caso in cui sorgesse controversia fra le parti, il Foro competente sarà quello di residenza del consumatore, se in Italia; diversamente, sarà esclusivamente competente il Foro di Cassino.

  1. Responsabilità dell’intermediario

21.1. Nel caso in cui Ulisse Travel di GN Turismo S.R.L. operi in veste di “intermediario”, saranno applicabili le condizioni predisposte dall’organizzatore.

21.2. L’intermediario di viaggi risponde di qualsiasi inosservanza che commette nell’adempimento dei suoi obblighi, l’inosservanza venendo stabilita considerando i doveri che competono ad un intermediario di viaggi diligente.

21.3. L’intermediario di viaggi non risponde dell’inadempimento totale o parziale di viaggi, soggiorni o altri servizi che siano oggetto del contratto.

  1. Modalità e criteri di adeguamento del prezzo del viaggio (Art.39 Cod Tur.)

22.1. Dopo la conclusione del contratto di pacchetto turistico, i prezzi possono essere aumentati soltanto se il contratto lo prevede espressamente e precisa che il viaggiatore ha diritto a una riduzione del prezzo, nonché le modalità di calcolo della revisione del prezzo. In tal caso, il viaggiatore ha diritto ad una riduzione del prezzo corrispondente alla diminuzione dei costi di cui al comma 2, lettere a), b) e c), che si verifichi dopo la conclusione del contratto e prima dell’inizio del pacchetto. 2. Gli aumenti di prezzo sono possibili esclusivamente in conseguenza di modifiche riguardanti: a) il prezzo del trasporto di passeggeri in funzione del costo del carburante o di altre fonti di energia; b) il livello di tasse o diritti sui servizi turistici inclusi nel contratto imposti da terzi non direttamente coinvolti nell’esecuzione del pacchetto, comprese le tasse di atterraggio, di sbarco e d’imbarco nei porti e negli aeroporti;

22.2. i tassi di cambio pertinenti al pacchetto.

22.3. Se l’aumento di prezzo di cui al presente articolo eccede l’8 per cento del prezzo complessivo del pacchetto, si applica l’articolo 40 del Codice del Turismo), commi 2, 3, 4 e 5.

22.4. Un aumento di prezzo, indipendentemente dalla sua entità, è possibile solo previa comunicazione chiara e precisa su supporto durevole da parte dell’organizzatore al viaggiatore, unitamente alla giustificazione di tale aumento e alle modalità di calcolo, almeno venti giorni prima dell’inizio del pacchetto.

22.5. In caso di diminuzione del prezzo, l’organizzatore ha diritto a detrarre le spese amministrative e di gestione delle pratiche effettive dal rimborso dovuto al viaggiatore, delle quali è tenuto a fornire la prova su richiesta del viaggiatore.

(1) Articolo così sostituito dall’ art. 1, comma 1, D. Lgs. 21 maggio 2018, n. 62, che ha sostituito il Capo I, a decorrere dal 1° luglio 2018 e con applicabilità ai contratti conclusi a decorrere da tale data, ai sensi di quanto disposto dall’ art. 3, comma 1, del medesimo D. Lgs. n. 62/2018.

  1. Modalità e criteri di adeguamento del prezzo del viaggio (Art.39 Cod Tur.)

Assicurazione annullamento, spese primo soccorso, furto/smarrimento bagaglio “FRIGO ASSICURAZIONI” Polizza numero 6007000007/V.

Comunicazione obbligatoria ai sensi dell’articolo 17 della Legge 6 febbraio 2006, n. 38

La legge italiana punisce con la reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografia minorili, anche se commessi all’estero.

Per leggere le Condizioni di Contratto di Grimaldi Lines, clicca QUI

Per leggere le Condizioni di Contratto di Moby & Tirrenia, clicca QUI

Per leggere le Condizioni Generali di Vendita di MSC Crociere, clicca QUI

 

Per leggere le Condizioni Generali di Trasporto di MSC Crociere, clicca QUI